Mark Cuban e Vivek Ranadive sono i titolari dell’elenco dei proprietari che esplorano i casi d’uso della blockchain per l’NBA

La tecnologia blockchain potrebbe presto diventare parte integrante della più grande lega di basket del mondo

Secondo un rapporto di Sportico di ieri, un gruppo di alcuni dei più ricchi e potenti proprietari della squadra della National Basketball Association sta formando un comitato per indagare sui casi di utilizzo della blockchain per l’NBA.

Chiamato sottocomitato consultivo Blockchain, i membri includono Mark Cuban, Joe Tsai, Ted Leonsis, Steve Pagliuca, Vivek Ranadive e Ryan Sweeney. Secondo Sportico , l’obiettivo del sottocomitato è quello di „esplorare modi per integrare la blockchain negli affari della lega“.

Due ovvi casi d’uso possibili includono biglietti e oggetti da collezione. Il ticketing basato su blockchain ha fatto passi da gigante e ora ha una base di utenti attiva, e Mark cuban in particolare ha espresso il suo supporto per l’utilizzo di blockchain per consentire al suo team di raccogliere profitti dalle vendite di seconda mano e dallo scalping.

Allo stesso modo, gli oggetti da collezione basati su blockchain hanno trovato un’insolita aderenza al mercato del prodotto con i punti salienti della NBA e i fan ossessionati dalle statistiche. Il progetto di punta negoziabile NBA Topshot di Flow blockchain ha incassato oltre un quarto di miliardo di vendite . Inoltre, la società conta più giocatori NBA come investitori .

Tuttavia, Cuban ha dichiarato in una dichiarazione a Sportico che il comitato non è stato fondato come risposta alla crescente popolarità di NBA Topshot, ma si concentra invece su applicazioni più ampie della tecnologia blockchain.

Cuban è ormai un nome familiare ai membri della comunità crittografica. Nonostante una storia passata di denigrazione delle valute digitali , ora le ha abbracciate, in particolare i protocolli e gli strumenti nativi di Ethereum come gli NFT. Dopo un tiepido rilascio NFT, i detective della catena hanno trovato il suo indirizzo e hanno scoperto che il miliardario possiede una serie di token del protocollo DeFi .

Inoltre, secondo un recente Tweet, la sua decisione di accettare Dogecoin per i biglietti e il merchandising di Mavericks sembra essere stata un successo:

I fan potrebbero anche riconoscere Vivek Ranadive, il proprietario dei Sacramento Kings. Dopo aver acquistato la squadra nel 2013, ha avanzato una serie di idee radicali e incentrate sulla tecnologia, tra cui giocare in difesa 4 contro 5 e creare un’app per consentire ai fan di votare per la partita successiva. Quando si tratta di blockchain, è stato anche uno dei primi ad accettare criptovalute per i biglietti e ha creato una struttura mineraria in un’arena di Kings .

Kommentare geschlossen.